Cosa sono delle «relazioni normali»?

Nel suo discorso di Capodanno, la presidente della Confederazione Doris Leuthard ha espresso, in nome della Svizzera nei confronti di Bruxelles, il seguente proposito: «Il mio obiettivo per il 2017 è di ritrovare la normalità nelle nostre relazioni con l’UE».

  • 26.01.2017, 00:00
  • 10.267 Aufrufe

L’obiettivo è l’esautorazione dei cittadini

Ha mai qualcuno in Svizzera espresso, sostenuto dai necessari mezzi d’influenza, l’intenzione di violare, tradire, aggirare, rompere o abrogare gli accordi bilaterali con l’UE? Nessuno!

  • 15.12.2016, 00:00
  • 10.164 Aufrufe

A rischio la collaborazione Svizzera-UE per la ricerca?

In effetti, la Svizzera potrebbe decisamente presentarsi ben più determinata per ciò che concerne la collaborazione per la ricerca concordata con l’UE. I suoi esponenti politici, invece, assumono nei confronti di Bruxelles una vera e propria posizione di accattoni. 

  • 17.11.2016, 00:00
  • 10.045 Aufrufe

Preferenza indigena e libera circolazione delle persone

Cosa s’intende con il termine “preferenza indigena sul posto di lavoro”? La maggior parte della gente crede che con ciò si possano soprattutto proteggere in qualche modo i lavoratori svizzeri più anziani dalla concorrenza di giovani stranieri “più a buon mercato”. Ma questa credenza è ben lungi dalla realtà. 

  • 10.11.2016, 00:00
  • 10.032 Aufrufe

Appartenenza all’UE senza libera circolazione delle persone?

Attualmente sta ottenendo nei media grandi lodi uno studio effettuato da esponenti UE. Perché questo nuovo studio propone la partecipazione al mercato interno dell’UE anche di quegli Stati che non sono disposti ad accettare la libera circolazione delle persone. 

  • 15.09.2016, 00:00
  • 10.167 Aufrufe

L’accordo-quadro con l’UE

La discussione irta di divergenze fra i consiglieri federali sul cosiddetto «accordo-quadro» fra la Svizzera e l’UE sta da qualche settimana assumendo toni vieppiù accentuati.

  • 01.09.2016, 00:00
  • 10.114 Aufrufe

La fine della via bilaterale

Gli accordi bilaterali portano questo nome perché a essi partecipano dei partner contrattuali di pari diritti e rango. I negoziatori bilaterali conducono trattative a livello paritario, quali partner di uguale livello. Ciò è valso fino a oggi anche per i rapporti bilaterali fra Svizzera e UE.

  • 26.06.2016, 00:00
  • 1.095 Aufrufe

La squadra mobile del consigliere federale Burkhalter

Da mesi si vocifera che fra Bruxelles e Berna siano in corso delle intense trattative segrete. Qualche volta ne giunge qualche dettaglio al pubblico. Ma adesso è chiaro: una maggioranza del Consiglio federale vuole dichiaratamente portare a termine il più velocemente possibile l’accordo-quadro con Bruxelles.

  • 26.05.2016, 00:00
  • 1.103 Aufrufe

Il consigliere federale Burkhalter afferma…

I negoziati sul cosiddetto «Accordo-quadro» fra la Svizzera e l’UE sarebbero «praticamente conclusi», afferma il consigliere federale Burkhalter. Altri consiglieri federali smentono. Da parte dell’economia, del PLR e del PPD subisce aspre critiche.

  • 12.05.2016, 00:00
  • 1.095 Aufrufe

L’UE sempre sulla via del successo?

Nelle scorse settimane sono apparsi diversi studi, in parte commissionati dalla Confederazione, che pronosticano per la Svizzera un futuro tetro qualora non si pieghi ai desideri di Bruxelles per ciò che riguarda la libera circolazione delle persone e l’«integrazione istituzionale».

  • 14.04.2016, 00:00
  • 1.096 Aufrufe

Libera circolazione delle persone: è utile alla Svizzera?

Quale inserto nell’edizione di marzo di «Schweizer Monat», appare in questi giorni uno studio del redattore economico della „Weltwoche“, completato da un saggio di Tito Tettamanti. Titolo dell’opuscolo: «Was hat der Bürger von den Bilateralen? Eine Kosten-Nutzen-Analyse aus ökonomischer Sicht» (Cosa guadagnano i cittadini dai bilaterali? Un’analisi costi/benefici dal profilo economico).

  • 03.03.2016, 00:00
  • 1.086 Aufrufe

Il Tribunale federale se ne frega delle decisioni popolari

A una Dominicana che ha percepito dalla Svizzera quasi Fr 400'000 in prestazioni dell’assistenza sociale, la Confederazione non ha rinnovato il permesso di dimora, decisione contro la quale la donna ha fatto ricorso al Tribunale federale – argomentando che suo figlio è cittadino UE.

  • 18.02.2016, 00:00
  • 1.096 Aufrufe

Ciò che dice la CGUE è assolutamente vincolante

Recentemente, il presidente della Corte di Giustizia dell’UE, quindi della Corte suprema dell’UE, ha concesso a un redattore della NZZ un’intervista sul carattere vincolante della giurisprudenza della CGUE.

  • 17.02.2016, 00:00
  • 1.089 Aufrufe

Nessun vantaggio per la Svizzera

In Consiglio federale non c’è ancora unanimità se l’auspicato accordo-quadro con l’UE debba essere sottoposto al parlamento e al popolo da solo o in un pacchetto comprendente anche altri accordi con l’Unione europea.

  • 04.02.2016, 00:00
  • 1.099 Aufrufe

Alta congiuntura per profeti

La produzione di «studi scientifici» sui vantaggi che la Svizzera trarrebbe dall’assoggettamento alle decisioni di Bruxelles, sta assumendo dimensioni inflazionistiche.

  • 18.12.2015, 00:00
  • 616 Aufrufe

La Danimarca indica la via

I funzionari di Bruxelles hanno condotto l’euro al precipizio. Dal sovraindebitamento di diversi Stati membri dell’UE causato, per negligenza o anche consapevolmente, dai funzionari e dai leader politici non si vede alcuna via d’uscita.

  • 18.12.2015, 00:00
  • 608 Aufrufe

«Giudici stranieri» in contrasto con la sovranità

A metà novembre, due parlamentari PPD si sono informati in Lussemburgo circa le modalità di funzionamento della Corte di giustizia dell’Unione europea (CGUE) da un lato, e della Corte di giustizia dell’AELS dall’altro.   

  • 02.12.2015, 17:14
  • 10.300 Aufrufe

Il Consiglio federale s’inchina a Bruxelles

Nella Basler Zeitung è recentemente apparso un commento rivelatore, circa la politica della Berna federale, priva di profilo, fatta di parole vuote e di sistematico cedimento alle dispotiche pretese di Bruxelles.

  • 24.11.2015, 13:27
  • 9.643 Aufrufe

Schengen/Dublino sono morti

L’accordo di Schengen creato dall’UE aveva per scopo la totale abolizione dei controlli alle frontiere fra tutti gli Stati dell’UE. A questo scopo le frontiere esterne dell’UE sarebbero dovute essere protette rigorosamente con un o sforzo comune contro l’immigrazione illegale. Messo per la prima volta seriamente alla prova nel 2015, il sistema di Schengen è collassato in pochi giorni.

  • 17.09.2015, 00:00
  • 9.450 Aufrufe

«Diritto UE dinamico» - pericolosissimo per la Svizzera!

Per l’evoluzione o la modifica dell’accordo di Schengen, nell’UE valgono le norme del cosiddetto «diritto dinamico». In altre parole, ciò che l’apparato UE di Bruxelles modifica dell’accordo di Schengen, deve essere obbligatoriamente ripreso da tutti gli Stati aderenti al trattato. Ciò tocca anche la Svizzera, che ha aderito al trattato nell’ambito di un accordo bilaterale. 

  • 17.09.2015, 00:00
  • 9.353 Aufrufe